ALLE TERME CON LA TRANS

Avevo voglia di andare alle terme,il freddo mi fa venire sempre voglia di saune e acque calde, penso a chi portarmi con me,mi viene in mente di una “donna” che lavora nel bolognese che avevo conosciuto questa estate al mare, non avevamo avuto modo di approfondire la nostra conoscenza e forse questa era l’occasione buona. Lei è era una escort, ora ha trovato un lavoro fisso e ha deciso di cambiare vita, visto anche che non aveva più trent’anni, simpatica un bel corpo magro come il mio, ci eravamo scambiati i numeri di cellulare e la chiamai per proporle la nottata alle terme, con sorpresa la mia proposta viene subito accettata da lei con entusiasmo.

Non me l’aspettavo, infondo ci conoscevamo poco, poi mi ha spiegato che a lei piacciono moltissimo le calde acque termali e ogni tanto se le concede e che le ispiravo fiducia. Sabato pomeriggio parto e passo a prenderla alla stazione di Bologna non sapendo dove abita, mangiamo qualcosa prima di entrare alle terme due chiacchiere sulle vacanze passate e andiamo direttamente nella piscina esterna. Lei non più giovane ma con un fascino particolare che si portava avanti, indossava un costume bianco e incredibile aveva il perizoma! La prima cosa che mi è passata per la testa è che si fosse operata! Panico! Sopra di noi una splendida luna piena poca gente attorno e qualche coppietta in intimità che dai movimenti si capiva che erano già in azione. Mi metto dietro di lei e comincio a farle un massaggio alla cervicale cercando di arrivare presto al dunque per appurare se ancora aveva l’oggetto dei miei desideri, la mano mi scivola sotto e appena le ho scostato il costume è uscito da in mezzo le chiappe il suo cazzino, che sospiro di sollievo!!! Un po’ timidamente e in maniera leggera comincio ad appoggiarlo al suo posteriore sento che la cosa è gradita, le sue chiappe si strofinano sul mio cazzo duro, e le piace, premo ancora più forte afferrandola per i fianchi,la timidità di entrambi è andata la giro di fronte a me, i nostri sguardi si fissano, lei mi guarda sorridendo mentre avvicino le mie labbra alle sue che fanno altrettanto, comincia un infuocata pomiciata, incuranti delle persone che ci sono attorno anche se poche e un po’ distanti da noi in quella grande piscina.

Le nostre lingue sembrano impazzite, le mie labbra succhiano le sue e viceversa ogni tanto la lasciavo senza fiato affondo la mia lingua più infondo possibile, la afferro con le mani per le chiappe la sollevo portando il mio cazzo a contatto con il suo, lei avvolge le sue gambe attorno al mio bacino e continuiamo in quel infuocato scambio di lingue. Non resisto più, decido di metterlo nel suo culo e mi dice che gli faccio venire la pelle d’oca solo sentire le mie parole di desiderio.Decidiamo però che continueremo in albergo dove si sentirà più libera e a suo agio. Rimetto il cazzo nel costume e ci avviamo a fare una doccia, le chiedo se le va di farla insieme e lei accetta.

Riempiamo i nostri corpi nudi di bagnoschiuma e cominciamo ad accarezzarci con le mani ovunque, la sensazione di quei corpi che scivolano è meravigliosa ed eccitante ma c’è l’ho di nuovo duro, lei lo fissa e mi dice “complimenti è bello grosso” non so se lo dice per farmi piacere è una frase che però sento dirmi spesso, comunque mi fa piacere. Intanto mi è ripresa voglia di penetrarla, ma prima che io proceda lei me lo afferra, si mette in ginocchio lo lava con l’acqua per levare la schiuma e affonda le sue labbra sulla mia cappella, sento la sua lingua che gira intorno poi comincia a leccare tutta l’asta del mio uccello dal basso verso l’alto mi sembra di impazzire nel sentire quelle labbra e lingua caldissime comincia a succhiare le mie palle lisce che avevo depilato proprio ieri, alza la testa e mi dice “ è ora di dargli sfogo, è troppo tempo che è eccitato “ affonda le sue labbra bollenti sul mio cazzo e comincia dolcemente ad andare su e giù,mi sembra di impazzire dal piacere lei aumenta la velocità ormai sento che ci sono, lo sento pulsare, non resisto più, esplodo in un orgasmo pazzesco urlando “aaaaaazzo che bello” pulsa una due tre quattro … mi sento completamente svuotato. Cazzo….. si era ingoiata tutto, che porca, promette bene.

Le sue labbra mollano il mio pene e si rialza in piedi di fronte a me mi fissa con un meraviglioso sorriso e mi dice“mi è sembrato che avessi bisogno” le rispondo che è stata semplicemente fantastica, ed è stato meglio iniziare con quel meraviglioso pompino, dato che ero troppo eccitato, avvicina le sua labbra alle mie e mi bacia forte sento anche l’odore del mio sperma. Che trans porca fantastica! Arriviamo in albergo dopo mezzanotte, fuga veloce al bagno per entrambi e finalmente sono in camera da letto con lei in un attimo siamo completamente nudi, pronti a finire quello che avevamo iniziato, le tocco le sue tette rifatte che non avendo esagerato con la misura sono ancora belle, le succhio i capezzoli duri e finalmente posso toccare il suo cazzo, me lo ricordavo più lungo ma è dritto e duro come piace a me e glielo lecco per bene dandole un piacere immenso. Mi graffia la schiena, è eccitata e ha voglia di prenderlo la cosa mi eccita ancora di più, la metto a 90 e comincio a sbattere forte sempre più forte in maniera quasi animalesca il mio cazzo nel suo culo lei urla “mi fai impazzire” io non rispondo sto nel mio respiro e continuo a sbattere rallento, sento che stò per venire e voglio farla durare più possibile, cambio posizione senza uscire, mi metto in ginocchio e prendo la sua gamba destra e l’appoggio sul mio petto, riprendo a penetrarla dolcemente e ogni tanto lascio partire qualche scarica veloce mi fissa negli occhi e geme di piacere mi piace questa shemale anche se urla un po’ troppo, mi piace, mi carica. Mi piace il rumore dello sbattimento, mi piace sentire il mio cazzo duro dentro di lei che è incredibilmente molto bagna sensazione bellissima, mi sta entrando di nuovo l’animale addosso e scorro sempre più forte su e giù, per un paio di volte mi esce, ma è un attimo viene quasi risucchiato dentro di lei con le mani stringo forte i suoi fianchi e ogni tanto palpo forte le sue chiappe allargandole. Lei allunga una mano verso la borsetta e tira fuori un tubetto di lubrificante e dice che è per il mio culetto, non dico di no, anzi, mi lascio proprio trasportare prova l’affondo con un dito, fa un po di resistenza all’inizio ma entra è molto molto meglio della saliva il lubrificante, il dito scivola su e giù che è una meraviglia comincia a cospargersi l’olio anche sul suo cazzo e le leggo in faccia la voglia di fottere spinge forte con un movimento deciso in quel buco unto entra tutto in un botto fino in fondo facendomi tirare un urlo incredibile! Stò sentendo dolore, e lei prende il ritmo e va più veloce ma senza esagerare guardo il mio cazzo che si è indurito ancora e a quel punto mi rilasso e comincio a godermi la cosa.

Quando lo tira fuori dal mio culo me lo avvicina alla bocca ma mi accorgo che ha un colore strano è diventando rosso, non ci sono dubbi mi ha rotto il culo. Ma l’ho preso in bocca lo stesso perchè volevo vederla venire e siamo finiti in una 69 pazzesca dove quasi contemporaneamente ci siamo venuti in faccia. Che porca, e pure brava a sincronizzare il mio orgasmo con il suo siamo venuti quasi insieme, allora mi aveva sentito quando gli avevo urlato che stavo per venire. Stiamo rilassati per due minuti in questa posizione, senza dire nulla. Mi sento appagato da questa magia erotica e lunga serata, sono orgoglioso di me e ci addormentiamo abbracciati e alle prime luci dell’alba ricominciamo. Ringrazio di cuore questa fantastica trans, per le piacevoli avventure e scambio di inculate che ogni tanto ci concediamo

 

Leggi altre storie

  • 100%
  • 683
  • 18.10.2017
Commenti (0)

Devi aver effettuato l' accesso per inviare commenti. Per favore Accedi Oppure Registrati (gratis).