COLPO DI FULMINE

Mi chiamo Michele e mi sono perdutamente innamorato di una stupenda Trans. Sono sempre stato un Don Giovanni. Ogni sera con una donna diversa, una più bella dell’altra (anche perchè, non per modestia, ma anche io non sono niente male. Sono alto, muscoloso, ci tengo parecchio al mio corpo, mangio salutare e passo parecchie ore in palestra - e non meno dall’estetista e dal parrucchiere - per essere sempre al top quando esco di casa). Molti mi hanno detto che passo per omosessuale, ma la realtà è solo che mi piace la perfezione ed essere ordinato. Non voglio prolungarmi troppo su me stesso, ma su quanto accadde a quel festival musicale una calda notte d’estate in vacanza in riviera. Ero con dei miei amici, compagnia allargata, mista, uomini e donne, qualche amico d’infanzia e parecchia gente conosciuta sul posto. Serata incredibile. Mi trovavo sotto la console, a bere e ballare come un matto! All’improvviso mi sento afferrare il culo da una mano forte, e pensavo fosse il mio amico che voleva scherzare un pò. Ero già pronto con la mano aperta per afferrargli il pacco, ma quando mi girai, rimasi impietrito. Al posto del mio amico c’era una figa esagerata,la stretta che mi aveva fatto era molto potente e nessuna donna avrebbe mai potuto farla, ma lei non era donna qualsiasi… Era alta quanto me, atletica, con lunghi capelli mori e profondi occhi azzurri che brillavano sotto le luci del palco. Mi persi completamente. Guardandola, iniziai a baciarla (eravamo entrambi parecchio ubriachi), prima dolcemente poi sempre con più passione. Le spingevo il mio cazzo eccitato contro il fianco facendole sentire la mia erezione e lei apprezzava ricambiando le spinte e strusciandosi sempre più forte contro di me e contro il mio membro. I miei amici mi guardavano allibiti. Come cavolo avevo fatto a trovare una figa del genere, senza fare il minimo sforzo?? Incredibile!! Dopo parecchio che eravamo lingua a lingua mi si avvicinò all’orecchio, sentivo il suo respiro affannato, voglioso di scopare, e il suo petto premermi contro, facendomi fremere sempre di più per poterla avere, lì in quel momento, anche in mezzo a tutti, non mi interessava. Mi bastava averla! Mi disse: - Allontaniamoci un pò! - La presi per mano portandola in spiaggia e la appoggiai agli scogli prendendola da dietro; aveva un delizioso vestitino in pizzo trasparente e sotto un costumino a perizoma che lasciava molto poco alla fantasia e la cosa mi faceva impazzire. Senza chiederle permesso, le sfilai lo slip e la penetrai da dietro. Sentii il suo gemito di dolore, ma subito dopo iniziò a dare il tempo, muovendosi avanti e indietro sulla mia mazza dura, pronta a esplodere. Ragazzi, mi rattrista molto ammetterlo, ma ero talmente in euforia che durai sì e no 1 minuto! Lei mi sorrise sollevandosi lo slip e baciandomi dolcemente la cappella prima di risalire alle mie labbra. Restammo in spiaggia a camminare e parlare, mi disse che si chiamava Rochielle, Rocky per gli amici, che era lì in vacanza con delle amiche e che le sarebbe piaciuto incontrarmi di nuovo. Così nella settimana seguente continuammo a vederci, ma ancora non avevo idea del grande segreto che nascondeva in mezzo alle gambe. Alla terza uscita notai qualcosa di strano in lei, un lampo di libidine nei suoi occhi che non avevo ancora imparato a interpretare...fino a quel momento. Ci stavamo baciando già da qualche minuto e il mio cazzo era più duro che mai, le spinsi una mano verso la patta, aprendogliela per aiutarla a infilarsi sotto le mie mutande, lei ci andò felice di poter afferrare la mia mazza, ma subito dopo mi guardò dritto negli e disse: - ok, ma ora afferra la mia! - Blackout totale! La sua?! Ma che c**?!? Cosa stava succedendo? Perchè mi stava dicendo di prenderle la mazza?!?! Mi ritirai, con ancora il cazzo duro fuori dai pantaloni. Vide il panico nei miei occhi ma non si tirò indietro, anzi, tirò fuori il suo uccello e iniziò a giocherellarci sbattendomelo sotto agli occhi!! Dolcemente mi prese la mano e me la appoggiò sul cazzo… Non nego di essere stato sempre un pelo bi-curioso...e quella era la mia occasione...in più, con una figa del genere!! Mi buttai! Prima con calma poi sempre più forte, le feci una sega fino a farla sborrare. Compiaciuta, si girò mostrandomi il sedere e incoraggiandomi a entrare. La scopai talmente forte che il giorno dopo aveva male alle anche!! Ragazzi, fu un’esperienza unica. Un colpo di fulmine, durato (purtroppo) il tempo di un’estate. Ancora ci sentiamo di tanto in tanto, per scambiarci esperienze e sogni per il futuro (sono anche un romanticone, sì), parliamo su skype e ci ripromettiamo sempre di vederci almeno una volta all’anno, ma poi il tempo passa e le cose si fanno sempre più complicate. La mia ragazza di adesso non è molto convinta della mia amicizia con quella bellissima donna e Rochielle...bhe, è Rochielle! Sempre matta scatenata, alla ricerca di nuove esperienze e divertimento un pò ovunque. Fu un amore estivo, di quelli passionali, immensi e indimenticabili che ti fanno dimenticare ogni cosa e ti fanno impazzire. Fu l’estate più bella della mia vita!

  • 0%
  • 58
  • 2017-01-04
Commenti (0)

Devi aver effettuato l' accesso per inviare commenti. Per favore Accedi Oppure Registrati (gratis).

  • PinkoCash for PinkoTGirls
  • PinkoCash for PinkoTGirls