IO CON IL MIO AMANTE E MIO MARITO CON LA TRANS

Era un pò che frequentavo Giorgio e la nostra relazione si stava facendo seria. Ci incontravamo di nascosto, quando mio marito era a lavoro. Lo facevo salire in casa, sicuri che nessuno ci avrebbe visti e passavamo ore a scopare come animali, perdendoci in mille sensazioni. Mio marito A. non aveva mai sospettato di nulla ma c’era qualcosa di strano nel modo in cui mi guardava, in cui mi toccava, e nel modo in cui facevamo l’amore. Era sempre più evidente che gli piacesse un pò di violenza e di dominazione da arte mia, che lo prendessi da dietro e gli dicendogli parole sconce all’orecchio mentre gli massaggiavo il suo culo perfetto … Iniziai quindi a dubitare un pochino della sua sessualità. Sapevo che amava le donne,lo avevo beccato più di una volta i primi tempi della nostra relazione a tradirmi con altre donne, ma l’avevo sempre perdonato (perchè io stessa non ero proprio uno stinco di santo). Siamo sempre stati una coppia avventurosa, alla quale piace sperimentare cose nuove e divertenti, come lo scambio di coppia e sporadici festini a tema bondage, ma poi il sesso a casa era sempre un pelo monotono...Piccolo dettaglio non da trascurare e del quale non ho ancora parlato. Giorgio e A. sono amici da una vita. Spesso me lo sono ritrovato a casa a cena con la voglia di sbatterlo e lasciare che A. ci guardasse, ma questa fantasia non ero mai riuscita a realizzarla.Ad ogni modo, desideravo godermi una serata con Giorgio senza dovermi nascondere e desideravo anche un futuro con lui, che non comprendesse più A. Iniziai a navigare online, alla ricerca di “soluzioni per il mio piccolo problema”. Cercavo qualcosa di estremo, che costringesse mio marito a mettersi in dubbio, a riflettere su stesso e sul nostro matrimonio. Finalmente mi imbattei in un annuncio erotico piuttosto interessante: una Trans brasiliana, Juliana, si trovava in città per lavoro ed era disponibile per incontri privati. Decisi di chiamarla, raccontarle le mie fantasie e i miei dubbi. Juliana fu molto carina e disponibile al telefono e mi diede appuntamento per il seguente sabato sera e promise che quella serata ci avrebbe sconvolto la vita. Ne parlai con mio marito. Gli dissi che avevo voglia di qualcosa di diverso dalla solita routine e che Giorgio sarebbe stato felice di prenderne parte. Gli raccontai che avevo contattato una bellissima escort brasiliana e lui ne fu molto felice! Per il mio spirito di intraprendenza e per la bella sorpresa che gli avevo preparato (ovviamente non gli dissi che Juliana era una Trans). Fare sesso a 4 con una figa del genere? Non ci poteva credere!!Arrivata quella sera ci incamminammo tutti insieme, io, A. e Giorgio, incuriositi e un pò spaventati da questa serata pazzesca che ci attendeva e senza sapere come sarebbe andata a finire. L’indirizzo che Juliana mi lasciò ci portò davanti a un condominio di lusso, di quelli che vedi solo nei film, con le pareti in vetro e la portineria in marmo immacolato. Ci sentimmo talmente piccoli e impotenti davanti a tanto sfarzo che ci eccitammo ancora di più..Salimmo verso l’attico, la bellissima Juliana ci apri la porta...era alta, circa 1.80, due bellissime tette sode e un culo che parlava! Solo io conoscevo il suo piccolo segreto e questo mi faceva stare sempre più su di giri. Ci fece accomodare in sala, dove ci attendeva una bottiglia di champagne in fresco e frutti esotici. Messi a nostro agio fu proprio lei ad aprire le danze. Iniziò a baciarmi, entrambe perse in un groviglio di lingue e mani che si toccavano, avide, calde ed eccitate. Lei, complice delle mie fantasie erotiche, andò diretta da mio marito, prendendolo per mano e conducendolo in camera da letto. Lui mi lanciò un bacio e un’occhiata complice. Vidi la sua eccitazione spingere con forza sotto ai suoi jeans. Inutile dire che io e Giorgio ci abbiamo dato dentro come mai prima, su ogni superficie di quella casa pazzesca, consapevoli che mio marito nell’altra stanza sentiva i miei gemiti di piacere e le mie grida. Ne volevo sempre di più e questa ritrovata “libertà” iniziava proprio a calzarmi a pennello. Non sentimmo molti rumori provenienti dalla camera da letto, ma notai subito il guizzo di compiacimento negli occhi di mio marito nel venirmi incontro a fine rapporto. Gli era piaciuto. Eccome!! Mi raccontò qualche dettaglio, non tutto ovviamente, ma sentirsi schiavo di quella bellissima trans lo aveva cambiato, era stato la sua puttana per qualche ora, prendendolo in bocca e nel culo senza esitazione e senza tirarsi indietro godendo sempre di più a ogni spinta da parte di Juliana.  Dopo questa esperienza A. divenne un amante più focoso e attento, anche nella vita quotidiana. Giorgio rimase solo un ottimo amico di famiglia col quale scopavo ogni tanto, nei momenti in cui mio marito faceva una scappatella per andare a trovare la nostra amica Trans..Juliana aveva proprio ragione : quella serata ci aveva veramente cambiato la vita!

 

  • 100%
  • 345
  • 2016-12-01
Commenti (0)

Devi aver effettuato l' accesso per inviare commenti. Per favore Accedi Oppure Registrati (gratis).

  • PinkoCash for PinkoTGirls
  • PinkoCash for PinkoTGirls