IO E LA PUTTANA TRANS

Racconto erotico :

Ero rimasto solo al bar. I miei amici mi avevano lasciato per tornare a casa, ma io dovevo ancora finire la mia birra e mi sono trattenuto.. Fissavo un punto lontano, pensando alla mia vita e alla bella serata passata con gli amici. Ero sovrappensiero quando sentii di non essere più solo. Girandomi lentamente notai che accanto a me si era seduta una giovane donna, di una bellezza quasi sconcertante. Alta, biondissima, con degli occhi azzurro mare nei quali mi sarei perso molto volentieri. Inutile dire che la mia attenzione fu anche data dalle sue tette, palesemente rifatte, ma comunque molto belle e dal suo culo sodo stretto in un paio di blue jeans. Mi fissò a lungo...poi venne verso di me mi prese per mano conducendomi nel parcheggio del locale.Non ho proferito parola e mi sono lasciato portare...
In 2 secondi mi slacciò i pantaloni prendendo il mio cazzo in bocca che dato la situazione eccitante era già duro.
Lo succhiava avida, come per tirare fuori subito il mio sperma, mi sono goduto quel momento, venendole in pochi minuti nella sua calda e umida bocca. Potrei definirlo come un pompino unico, nessuna donna me lo aveva mai succhiato così bene e di certo mai così di gusto!! Ero estasiato!!
Il giorno dopo ho deciso di andare a casa di un mio amico che girava spesso in quel bar. Gli raccontai della mia notte di fuoco con quella bellissima sconosciuta e vidi che mentre gli descrivevo la mia dea bionda era sbiancato e rimasto senza parole. Così, pensando che fosse per la gelosia, continuai a raccontare ogni dettaglio, di come lei lo leccava arrivando fino alle palle e di come una volta venuto se ne fosse andata ringraziandomi mostrando il suo bel culo sodo sculettare via dal parcheggio. Finito il mio racconto, lui mi guardò dritto negli occhi giurando che quello che stava per dire mi avrebbe lasciato senza parole. 

-”Mario, quella bella ragazza che ti ha fatto il pompino si chiama Niki...ma il suo vero nome é Nicholas…”-

Aveva proprio ragione il mio amico!! Rimasi senza parole...mi ero fatto succhiare il cazzo da una trans (porca puttana)!! Passò qualche settimana prima che potessi rimettere piede nel locale...ero ancora sotto shock e mi sentivo un pò in imbarazzo. Io, dio del sesso, don giovanni del paese e sciupafemmine da una vita, con un trans. Non riuscivo a crederci. Finalmente mi decisi a uscire di casa per andare al bar...e indovina un pò? La prima persona che vidi fu proprio lei...Niki…Era uno schianto vestita con una camicetta semitrasparente e una gonna nera in pelle. Nonostante sapessi la verità, mi eccitò lo stesso..Presi coraggio e questa volta fui io ad avvicinarmi e a prenderla per mano per portarla nel parcheggio...La baciai con passione sentendo il suo cazzo duro spingermi contro la gamba...eccitato come mai prima le misi il cazzo in bocca,ci avevo pensato ogni giorno al suo pompino e non desideravo altro che quello..da quel momento siamo diventati più intimi, una sorta di tromba-amici. ci beviamo una birra al bar e poi andiamo a casa mia a scopare...e con lei ho scoperto nuove sensazioni, che mai avrei pensato di provare!

 

Leggi altre storie

  • 0%
Utente Inviato da Anonimo
  • 408
  • 18.10.2017
Commenti (0)

Devi aver effettuato l' accesso per inviare commenti. Per favore Accedi Oppure Registrati (gratis).